Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

regressione e sensibilizzazione della suola.

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pareggio, transizione, riabilitazione
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Ven Set 22, 2017 8:35 pm    Oggetto: Ads

Top
pantoufle



Registrato: 07/07/11 12:52
Messaggi: 6
Residenza: Bari

MessaggioInviato: Mar Lug 19, 2011 2:12 pm    Oggetto: regressione e sensibilizzazione della suola. Rispondi citando

Ciao a tutti, vorrei un parere su come gestire una fase di "regressione" durante la transizione della mia cavalla, scalza da 8 mesi, in seguito ad un pareggio troppo aggressivo che ha tolto via molta suola.

Vi ragguaglio velocemente sulla situazione della cavalla, anche se per farlo per bene dovrei scrivere un papiro...ad ogni modo si tratta di una tedesca el '96, abbastanza cagnola, scuderizzata in provincia di Bari.

Sintetizzando, sono arrivata a sferrare in seguito ad una grave zoppia occorsa nel febbraio 2010: la mia cavalla ha avuto due brutti ascessi pressochè concomitanti e simmetrici nella zona mediale di entrambi gli anteriori, con tragitti che dalla corona arrivavano quasi fino al tallone. Il maniscalco che ci seguiva allora (artefice delle ferrature della cavalla negli ultimi 5 anni, e al quale il mio veterinario aveva sempre rimproverato di non curare adeguatamente l’allineamento latero-mediale del piede) non è riuscito a drenare bene il sinistro. Ho chiamato un nuovo maniscalco che tuttavia è intervenuto quando il piede era già compromesso: la cavalla adeguatamente curata, riferrata e gestita con cautela (riduzione dei concentrati, integrazione con biotina, attenzione maniacale all'igiene del piede, riabilitazione graduale) è tornata perfettamente dritta a maggio, anche se il piede sinistro presentava un distacco importante nella zona mediale e suola sottilissima.

La zoppia si è però gradualmente ripresentata, benchè in maniera altalenante e in forma molto più leggera, riacutizzandosi in concomitanza dell'inizio e della fine della ferratura. La situazione è rimasta invariata malgrado il soggiorno in clinica, i tentativi di ferratura a magro, le sedute di piscina fisioterapica, etc..dei mesi successivi.

Insieme al maniscalco e al veterinario abbiamo deciso di provare a sferrarla, partendo ad ottobre dai soli posteriori e completando a novembre con gli anteriori. A livello gestionale la situazione non era ottimale -a partire dalla nostra collocazione: la murgia- ma ho cercato di fare del mio meglio: eliminazione dei concentrati per un sospetto di insulino-resistenza (purtroppo qua nel burundi equestre non sono ancora riuscita a trovare un centro per effettuare le analisi), riduzione delle ore di stabulazione in box e messa a paddock per mezza giornata insieme ad un altro cavallo che la stimolasse un pò a muoversi. La cavalla è migliorata immediatamente, ovviamente limitando la sua attività all'inizio a superfici morbide (campo in sabbia e paddock in sabbia e terra). A gennaio era disinvolta e dritta anche sull'erba a tutte le andature, e al passo e trotto sullo sterrato. L'ho lasciata completamente ferma fino a marzo, quando ho ripreso a farle fare un pò di movimento leggero in campo. Ha sempre risposto molto bene, ho dovuto usare le scarpette in pochissimi casi (in occasione di qualche doloretto accusato sporadicamente per via di piccole sobbattiture che si risolveva in pochi giorni).

I piedi erano e sono ancora ben lontani da una qualche stabilità. Il destro è soggetto a frequenti slargamenti ai quarti, il sinistro è sempre rimasto più piccolo e bruttino, tuttavia entrambi fino a fine maggio erano completamente insensibili alla sonda.
Dall'inizio di giugno, ovvero dal penultimo pareggio, c'è stata una progressiva contrazione dell'anteriore sinistro fino ad arrivare all'ultimo pareggio, che ha radicalmente modificato l'assetto dei piedi e portato via davvero tanta suola (per eliminare un paio di setole il maniscalco ha voluto tagliare troppa muraglia). La cavalla è peggiorata immediatamente, manifestando una zoppia importante, anche con le scarpette...cosa che non accadeva da mesi. Per il momento è stata sempre pareggiata dal mio maniscalco (a cui va tutta la mia riconoscenza per l'aiuto ed il lavoro svolto in quest'ultimo anno), vista anche l'assenza di pareggiatori professionisti nella mia zona...il pareggio tuttavia rimane quello di un maniscalco, e l'ultima volta evidentemente è stato davvero troppo 'aggressivo'. Era già capitato che appena pareggiata la cavalla manifestasse maggiore sensibilità, o di dover intervenire periodicamente tra un intervento e l'altro correggendo un pò il pareggio. Ma la risposta era sempre stata sostanzialmente positiva.

Sono passati 15 giorni dal pareggio "critico" e adesso la cavalla è dritta con le scarpe, mentre continua a marcare un pò a mano destra senza, manifestando dolorabilità diffusa nella suola dell'anteriore sinsitro (specie in punta) e nella zona mediale del destro. Sto cercando di aiutarla con un ciclo di artiglio del diavolo e riposo solo al paddock sul morbido.
E' come se fossimo tornate indietro di mesi, al momento la suola appare delicatissima e quasi morbida (capita che in paddock le si infilino sotto i piedi dei sassolini, che una volta rimossi lasciano una 'bella' impronta), il piede sinistro è piccolo e molto contratto mentre il destro sembrerebbe essere stato 'forzato' ad aprirsi, con conseguenti slargamenti.

Quello che vorrei chiedervi è come aiutare la cavalla in questo momento abbastanza delicato. E' preferibile mandarla fuori solo con le scarpette (nel grande paddock in sabbia) o è il caso di sollecitarla anche un pochino (passeggiando a mano) a camminare scalza, magari passando su ghiaia e terreni un pò più ostici?
Vi ringrazio per la pazienza.
Top
Profilo Invia messaggio privato
cilla



Registrato: 30/06/11 10:49
Messaggi: 98
Residenza: Liguria

MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2011 2:58 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, prima di tutto benvenuta! Io non sono una grande esperta (ho sferrato da poco!), sicuramente avrai riscontri più profesionali da altri utenti del forum...ma ho il dubbio che il tuo maniscalco, per quanto bravo e disponibile, stia sbagliando qualcosa....non c'è proprio nessuno nella tua zona che pratichi un pareggio barefoot professionale? Magari potresti rivolgerti al BHI e vedere se ci fosse anche un privato un po' "esperto" che abbia seguito i loro corsi e che ti possa supportare.

Io ho fatto solo il corso base (tanto per avere un'idea di cosa si stava parlando...) ed ho la fortuna di potermi appoggiare ad una pareggiatrice preparata ma c'è un abisso tra un pareggio naturale e quello tradizionale del maniscalco, magari anche in buona fede, lui ha mantenuto in parte la sua impostazione e non sta aiutando la povera cavalla....
Top
Profilo Invia messaggio privato
Bubba



Registrato: 30/07/08 10:05
Messaggi: 154
Residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2011 5:20 pm    Oggetto: Rispondi citando

se qualcuno volesse rispondere iminteressa la questione suola morbida...
Tommin punta ultimamente è stato "scavato" abbastanza. Mprale: lacune al fettone quasi a livello del terreno e, una volta messe le scarpette, mi è sembrato di vedere tatuata sulla suola in punta i rilievi delle scarpette. credevo fosse stato il sudore ma adesso mi viene un dubbio.. E' la suola buona che fa così?

_________________
Lara & Bubba
Top
Profilo Invia messaggio privato
GeG



Registrato: 05/01/10 20:06
Messaggi: 586
Residenza: Toscana (LI)

MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2011 5:59 pm    Oggetto: Re: regressione e sensibilizzazione della suola. Rispondi citando

pantoufle ha scritto:
Quello che vorrei chiedervi è come aiutare la cavalla in questo momento abbastanza delicato. E' preferibile mandarla fuori solo con le scarpette (nel grande paddock in sabbia) o è il caso di sollecitarla anche un pochino (passeggiando a mano) a camminare scalza, magari passando su ghiaia e terreni un pò più ostici?
Vi ringrazio per la pazienza.

Non rendendomi realmente conto della situazione a me verrebbe da dirti di lasciare che la cavalla si muova in paddock se nel paddock, che dici essere sabbioso, non ci sono pericoli, mentre per portarla a camminare fuori su terreni diversi metterei le scarpette per un po'. Il movimento è importante per stimolare la crescita però se è stata tolta davvero tanta suola il rischio è di sottoporre i piedi a stimoli che non sono al momento in grado di "assorbire" con rischio di traumi..
Sul paddock in sabbia ci si muove bene o mostra disagio anche lì? Mentre con le scarpette?

_________________
Giulia
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Clarice



Registrato: 20/09/09 13:47
Messaggi: 205
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Mer Lug 20, 2011 10:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

Quoto GeG... per riassumere il consiglio è: lascia che si muova il più possibile dove non mostra difficoltà, questo sia con che senza scarpette, senza insistere dove mostra fastidio/sensibilità... aspettando la risposta di qualcuno di più esperto mi permetto di aggiungere altre domande... come atterra la cavalla alle varie andature sui diversi terreni? puoi postare qualche foto dei piedi? Per quanto riguarda il nome del pareggiatore in zona credo di poterti aiutare... se posso però, vorrei suggerirti di fare attenzione, ci sono anche tanti pareggiatori che fanno pareggi aggressivi, mettendo le mani sui cavalli altrui magari dopo aver seguito appena una settimana di corsi Wink

Per Bubba: dal basso della mia esperienza credo che se davvero la situazione è come descrivi, cioè con le lacune quasi a livello del terreno e la suola così morbida, eviterei di portarlo su terreni "difficili" e sarebbe un'ottima cosa offrirgli protezione e stimolo alla crescita muovendolo con le scarpette finché la suola non si sarà irrobustita un po' e le lacune allontanate dal terreno, meglio ancora se con l'aiuto delle solette
Top
Profilo Invia messaggio privato
pantoufle



Registrato: 07/07/11 12:52
Messaggi: 6
Residenza: Bari

MessaggioInviato: Gio Lug 21, 2011 10:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie a tutti per le vostre risposte.

Cilla hai perfettamente ragione, sicuramente il tipo di pareggio che esegue il mio maniscalco (per quanto sia veramente un ottimo maniscalco e mi dispiaccia doverlo "lasciare" visto che ha continuato a seguire la cavalla con dedizione, pur essendo molto distante dal sud) è lontano dall'essere un pareggio barefoot.
Purtroppo però qui in Puglia finora non ho trovato nessun professionista, ho anche provato a scrivere a Gandini ma per il momento nessuna risposta. Ringrazierei perciò Clarice se potesse segnalarmi il nome di un pareggiatore serio disponibile a muoversi nella mia zona.

Nel frattempo sto cercando di ricostruire un regesto fotografico dell'ultimo anno, per darvi maggiori dettagli sulla situazione.
Al momento la cavalla cammina bene ovunque con le scarpe (delt* **** **ots - utilizzate con soletta), e mi sembra desiderosa di muoversi tanto che quando la porto a passeggiare in campo ogni due per tre prende il trotto da sola. Senza invece è abbastanza disinvolta sulla sabbia e sull'erba, ma continua a marcare leggermente in volta a mano destra.

L'atterraggio sembrerebbe di talloni, l'anteriore sinistro però si muove in maniera un pò strana, come se ci fosse una sorta di gioco latero-mediale: diciamo che atterra prima con il tallone mediale e poi con quello esterno.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Bubba



Registrato: 30/07/08 10:05
Messaggi: 154
Residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Ven Lug 22, 2011 10:01 am    Oggetto: Rispondi citando

si, ormai è passato molto tempo dal pareggio ma ancora lo monto fuori solo con le scarpe. a onor del vero non sembra aver fastidio, ma nel dubbio gliele infilo lo stesso. poi si vedrà, Grazie Clarice!

_________________
Lara & Bubba
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Lun Lug 25, 2011 3:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

se alla cavalla è stata intaccata la suola in questo modo è necessario proteggere il piede dai vari traumi quindi eviterei accuratamente ghiaia, cemento irregolare, terreni duri e con zone in rilievo senza un paio di scarpette.
la suola così esposta non riesce a difendersi e difendere il piede da pressioni elevate e concentrate in un solo punto ed onde evitare traumi meglio proteggerla.

se la cavalla si muove volentieri su erba e sabbia lasciala fare, il più possibile per stimolare le strutture e la crescita. probabilmente cercherei di aumentare al massimo ora il paddock perchè il box è comunque un ambiente umido e non aiuta la suola a prendere consistenza mantenendola umida.

per il resto bisognerebbe vedere cosa si intende con pareggio da maniscalco: se e quanto intacca la suola e come considera barre e fettone. se è un pareggio ben fatto non è che detto che sia così tremendo, però il maniscalco dovrebbe avere qualche nozione base su come trattare un piede scalzo (e alcuni ce l'hanno anche senza i corsi grazie a buoni maestri).
bisognerebbe vedere delle foto

se la cavalla atterra in due tempi potrebbe essere un difetto di biomeccanica (se ce lo aveva anche prima) oppure una difesa del cavallo al dolore. stabilire se atterra bene di talloni o per lo meno di piatto può essere importante per capire se e come evolve la situazione (la sofferenza spesso si trasforma in un modo diverso di atterrare).
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
pantoufle



Registrato: 07/07/11 12:52
Messaggi: 6
Residenza: Bari

MessaggioInviato: Gio Lug 28, 2011 5:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie rhox per i consigli. A breve spero di riuscire a fornirvi un pò di foto e video per avere un parere più preciso.

Sono ormai sempre più convinta che la dolorabilità sia legata all'intaccamento della suola: la cavalla mostra fastidio già quando, mentre è scuderizzata in box, il piede le si colma...basta svuotarlo col nettapiedi e diventa un'altra. Va sempre meglio scalza sulla sabbia e sull'erba, e con le scarpette ha ripreso a muoversi ovunque con disinvoltura e sicurezza, a tutte le andature (anche parecchio sostenute). Per questo motivo, oltre alle ore di paddock, il veterinario mi ha suggerito di farle fare del movimento leggero in campo con le scarpe, libera il più possibile, per stimolare la crescita del piede.

Ho cercato di valutare per bene l'atterraggio dei due anteriori, confermo che quello del piede destro è di talloni -così com'era nei mesi precedenti- mentre quello del sinistro in genere è tendenzialmente di piatto, nel senso che atterra bene di talloni solo quando viene leggermente pareggiato (accorciandolo con la raspa) il tallone interno.
Il discorso dell'atterraggio in due tempi è una caratteristica che aveva anche da ferrata e che ho sempre imputato al difetto di cagnolismo, e che tende a scomparire man mano che le si corregge la lunghezza della parte mediale del piede. Il problema in effetti forse sta nel valutare quale delle due cose sia la causa, e quale la conseguenza..

Per esigenze lavorative dei prossimi mesi sto cercando una nuova sistemazione in cui possa star fuori in paddock tutta la giornata e rientrare solo di notte, per quanto qui da me sia abbastanza difficile trovare un posto con queste caratteristiche che assicuri anche una gestione sicura, pulita e confortevole. Avrei trovato un buon allevamento con ampi paddock e possibilità di farla star fuori con altri cavalli: il mio timore è legato all'erba, non vorrei che mandandola al prato -con la sua tendenza a mangiare qualsiasi cosa e di continuo- lo stato dei suoi piedi possa peggiorare. Spero di poterla tutelare con una di quelle museruole che permettono di spiluccare un pò senza esagerare...l'unico aspetto "positivo" della nostra location è che da noi di erba in estate non se ne vede, quindi fino a settembre almeno posso stare tranquilla.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pareggio, transizione, riabilitazione Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 1.46