Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Le integrazioni minerali e vitaminiche

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mer Apr 26, 2017 11:53 am    Oggetto: Ads

Top
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Lun Gen 25, 2010 6:44 pm    Oggetto: Le integrazioni minerali e vitaminiche Rispondi citando

LA RAZIONE E LE INTEGRAZIONI DEGLI ALIMENTI

NON SONO I CAVALLI A DOVER ESSERE INTEGRATI, SONO GLI ALIMENTI CHE DEVONO ESSERE BILANCIATI !

Questa semplice affermazione e’ di fatto la chiave di volta di tutto il discorso alimentare. Come si e’ detto, gli alimenti che la terra produce sono impoveriti in quanto e’ la terra ad essere impoverita. Anni di concimazioni azotate, diserbi, mancanza di umus e quant’altro l’uomo abbia inventato, hanno reso il terreno non piu’ in grado di conferire al vegetale che cresce gli elementi minerali e vitaminici essenziali.

La gran parte dei cavalli allo stato brado hanno una fonte alimentare piuttosto semplice: erba secca e acqua. Argentina, pianure asiatiche, pianure americane, steppe russe, Africa, i cavalli che vivono in quelle lande si nutrono praticamente di sola erba secca.
Evidentemente, non essendosi estinti e riproducendosi con regolarita’, hanno sempre avuto un’alimentazione a loro congeniale e perfettamente adatta. I cavalli si sono sviluppati legati anche alla povertà dell’ambiente naturale. Dovevano camminare per lunghe distanze, anche 100 km al giorno. Questo fatto ha permesso loro di accedere ad una grande varietà di essenze, caratteristiche di regioni e territori diversi. Ciò evitava che potessero mancare specifici elementi nutrizionali.

Il cavallo domestico, al contrario, e’ alimentato dall’uomo, non dalla natura, e come tale deve sottostare a meccanismi assolutamente non naturali.
Il cavallo non sceglie, e’ l’uomo che sceglie per lui. L’uomo la fa seguendo logiche diverse: vanno dall’economicita’ al convincimento di fare una buona cosa, dalla tradizione radicata alla pura e semplice presunzione.

Tutto l'organismo del cavallo si è evoluto, ed è costruito, per un consumo continuo di fibra. Il sistema digestivo è costruito per l'assimilazione permanente di piccole porzioni di parti di piante: erba, corteccia, foglie, ramoscelli. Una pausa troppo lunga tra un pasto e l’altro, può causare l'iperacidità dello stomaco, quindi ulcere e disturbo alla flora batterica intestinale. Non dobbiamo dimenticare che nello stomaco del cavallo sono SEMPRE presenti gli acidi digestivi, anche se non vi e’ contenuto cibo.

Una razione alimentare per un cavallo, come si e’ visto nel capitolo RAZIONAMENTO E FABBISOGNI, dipende da moltissimi fattori e deve essere costruita solamente da esperti. Ogni improvvisazione puo’ essere fonte di problemi, anche grandi. Affidarsi ad un professionista e’ la migliore delle soluzioni.
Alla luce di queste valutazioni, come orientare al meglio le scelte per una buona razione e un’alimentazione correttamente integrata ?

La risposta e’, tutto sommato, abbastanza semplice:

ridurre e semplificare !

Ridurre significa usare il minor numero di componenti per creare la razione, semplificare significa eliminare il piu’ possibile le variabili imponderabili introducendo un “Bilanciatore minerale-vitaminico©”.

Usare solamente prodotti di massima qualita’:

· Acqua
· Fieno di prato stabile, sano, leale e mercantile
· Granaglie, preferibilmente avena, intere, asciutte e crude anche in questo caso sane, leali e mercantili
· Bilanciatore alimentare©.

Per quanto riguarda le quantita’, le linee guida da seguire sono queste:

· Fieno a volonta’
· Granaglia da 0 a Kg 5. Non superare questo limite anche per soggetti pesanti sottoposti a lavoro molto intenso. Il tutto, ovviamente, in base a peso, eta’, stato fisico, ecc. ecc.
· Integrazione minerale e vitaminica, vedi il cartellino.

Molto importante e’ verificare che l’integratore bilanci realmente la razione. Cio’ significa conoscere le componenti degli alimenti, soprattutto i contenuti minerali e vitaminici dei micro e dei macro elementi cui vanno sommati quelli contenuti nell’integratore.
A questo punto se ne conoscono, con sufficiente precisione, i valori.
Si deve confrontare il tutto con le tabelle dei fabbisogni. Se sono coerenti significa che l’integratore e’ valido, in caso contrario, non lo e’.
In commercio ve ne sono moltissimi: monodose, in polvere, liquidi, in pellets, aromatizzati, naturali, chimici, americani, inglesi, veterinari, industriali, amazzonici, italiani, naturali, omeopatici, prodotti farmaceutici e no, in sacchi, costosissimi e a buon mercato. C’e’ veramente l’imbarazzo della scelta.

ESEMPIO DI INTEGRAZIONE MINERALE-VITAMINICA

IL “BILANCIATORE©”

Vitamina A UI 3.500.000
Vitamina E (alfa-tocof) mg 60.000
Ca % 9,5
P % 4,5
Na % 5
Mg % 3,2
Mn mg 31.250
Cu mg 3.500
Co mg 80
Zn mg 32.500
J mg 162
Se mg 100
Metionina mg 50.000
Biotina mg 2.000

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Il soggetto, a cui si riferisce il grafico, e’ un cavallo di Kg 500 circa che mangia fieno di prato a volonta’ e Kg 2,5 di granaglia mista (60% avena, 30% orzo, 10% frumento).

Da questo esempio, usando un integratore presente sul mercato, possiamo rilevare alcune caratteristiche interessanti:

· non vi e’ presenza di Fe
· non vi e’ presenza di vitamina D
· livello di Zn molto elevato
· livello di Cu molto elevato
· dosaggio molto alto di vitamina A
· dosaggio molto alto di vitamina E
· massiccia presenza di Metionina e Biotina
· La vitamina E, unita al Se, ha dimostrato una buona azione antiossidante e pertanto contrasta la formazione dei radicali liberi, molecole instabili che si formano in seguito alle reazioni chimiche che avvengono nell'organismo. Quindi, azione sui muscoli.
· La forte presenza di Metionina e Biotina indica un integrazione particolarmente mirata alla qualita’ dell’unghia e del pelo.
· Zn e Cu bilanciano il ferro, presente in dosi massicce nei fieni tipicamente sud europei. Le forme anemiche nel cavallo sono dovute a carenze di questi minerali piu’ che a carenza di Fe. Quindi, niente anemie.
· Il Cu interviene nella crescita tendinea, lo zinco è essenziale per la salute del cavallo. Quando l’assorbimento e’ troppo poco, vi e’ una piu’ lente guarigione delle ferite e dolore superficiale. Una scarsità di zinco puo' persino causare difetti alla nascita. Crescita piu’ regolare.
· La mancanza di vitamina D sta a significare che si e’ tenuto conto delle condizioni climatiche italiane e sud europee. I raggi solari sono responsabili del fissaggio della vitamina D attraverso la pelle, e’ sufficiente un’esposizione di poco tempo per accumularne grandi dosi.
Quindi, niente depositi di calcio indesiderati (attorno alle coronarie, ad esempio).
· L’alta presenza di J rende l’integratore adatto anche a cavalli che sono lontani dal mare, (Alpi, regioni piu’ continentali). Regolarizza la funzione tiroidea.

Per quanto riguarda gli oligoelementi e vitamine, con il BILANCIATORE©, si ottengono questi livelli di equilibrio.

Conclusioni:

Il bilanciamento vitaminico-minerale, unito alla corretta alimentazione, ha questi principali effetti:

· Ottimizzazione del metabolismo
· Attivita’ antiossidante
· Potenziamento delle difese immunitarie
· Diminuzione dei processi infiammatori
· Reale bilanciamento della razione
· Livelli ottimali di energia, proteina grezza, Ca, P, lisina e oligoelementi
· Diretto smaltimento delle eccedenze

Per approfondimenti

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Rallyman



Registrato: 21/01/10 18:30
Messaggi: 11
Residenza: Rimini

MessaggioInviato: Gio Apr 29, 2010 4:17 pm    Oggetto: Re: Le integrazioni minerali e vitaminiche Rispondi citando

Salve Alberto, mi è appena arrivato il tuo Bilanciatore, e siccome la confezione è rovinata (etichetta in alcuni punti mal leggibile e tappo rotto, tant'è che è uscito un po di prodotto...) sotto la dicitura "istruzioni per l'uso" non riesco a leggere la quantità che consigli di somministrare. Quant'è?

Inoltre: perchè non metti anche un misurino dosatore, sarebbe utile!


Un'ultima cosa a questo riguardo:
Alberto ha scritto:

· Livelli ottimali di energia, proteina grezza, Ca, P, lisina e oligoelementi

Ne sull'etichetta, ne tra i dati che hai quì riportato ho trovato il contenuto di lisina. Potresti dirmi quanti grammi di L ci sono in 1kg?

Grazie.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.29