Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Gestione Naturale: quando è meglio cominciare?

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Set 23, 2017 4:36 pm    Oggetto: Ads

Top
HesterFanBommelsteyn



Registrato: 11/10/11 10:27
Messaggi: 6
Residenza: Veneto - TV

MessaggioInviato: Mar Ott 18, 2011 11:05 am    Oggetto: Gestione Naturale: quando è meglio cominciare? Rispondi citando

Buongiorno a tutti, avrei una domanda da sottoporvi e ringrazio sin d'ora chiunque abbia voglia di darmi un suo parere, un consiglio o magari raccontarmi la sua esperienza personale. Very Happy

Vorrei cominciare con la gestione naturale della mia cavalla, una femmina di frisone di 9 anni.

Esiste un periodo dell' anno migliore per spostarla dal box all' aperto e sferrarla o va bene qualunque periodo?

Mi farebbe un certo effetto spostarla fuori con il freddo, ma non so se si tratti solo di preoccupazioni umane o se la cosa influisca anche sul benessere del cavallo. Embarassed
Top
Profilo Invia messaggio privato
cilla



Registrato: 30/06/11 10:49
Messaggi: 98
Residenza: Liguria

MessaggioInviato: Mer Ott 19, 2011 1:23 pm    Oggetto: Rispondi citando

ciao, prima di tutto complimenti per la scelta!

Per spostare fuori la cavalla forse sei ancora in tempo...prima di tutto: non l'hai tosata vero? Se no, secondo me puoi iniziare a lasciarla fuori per qualche ora di giorno, poi allunghi la permanenza finché la lascerai fuori tutte le 24 ore. Non so se faccia già molto freddo dove stai tu, ma se l'abituerai gradualmente vedrai che si regolerà da sola e metterà fuori una bella pelliccia! Smile Per sferrarla, magari potresti avere qualche problema di sensibilità in più a causa del terreno umido invernale, che ammorbidisce lo zoccolo. L'importante è che la cavalla abbia comunque un posto asciutto su cui stare (cemento, mattonelle, ghiaia....)
Top
Profilo Invia messaggio privato
HesterFanBommelsteyn



Registrato: 11/10/11 10:27
Messaggi: 6
Residenza: Veneto - TV

MessaggioInviato: Mer Ott 19, 2011 6:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Cilla, grazie mille per la tua risposta! Very Happy

No Hester non è tosata. A dire il vero sono contraria il tosare il cavallo per poi coprirlo con le coperte.
Nel maneggio dove stiamo, dal momneto che sono tutti o per la maggiore agonisti sono abbastanza criticata per questa mia scelta.. Evil or Very Mad

E' da tempo che sto valutando il fatto di metterla all'aperto e sferrarla, ma vorrei procedere nel modo più corretto nel rispetto del benessere del cavallo.

Non sopporto i cavalli chiusi in box e di farle fare una vita intera così proprio non me la sento. L' unica cosa, alla quale tengo tantissimo però è quella di non crearle traumi.

Da quanto leggo deduco che per sferrarla è meglio aspettare la fine dell' inverno/ primavera? Almeno fino a quando non ci sia più tanto fango? Inoltre volevo chiedere: ai piedi sferrati non si possono applicare prodotti, che so tipo il catrame o il grasso per zoccoli?

Immagino per una questione di logica che sarebbe meglio evitare, in quanto in natura queste sostanze non esistono, ma avrei comunque piacere di conoscere il vostro punto di vista in merito. Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Mer Ott 19, 2011 7:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

HesterFanBommelsteyn ha scritto:
E' da tempo che sto valutando il fatto di metterla all'aperto e sferrarla, ma vorrei procedere nel modo più corretto nel rispetto del benessere del cavallo.

Ti rispondo per punti:

1 - la "gestione naturale" non esiste. Solo i cavalli che vivono liberi nelle praterie, lontani dall'uomo, possono definirsi a gestione naturale. Quando c'e' di mezzo l'umano che sceglie, e' opportuno parlare di cavallo "domestico",

2 - prima di sfrerrare la cavalla documentati molto bene. Il cavallo scalzo e' un punto di arrivo, non di partenza. Se non sei piu' che convinta, lascia perdere, informati di piu'.
Ti suggerisco di cominciare a guardare questo:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



3 - vi sono alcuni punti cardine: alimentazione e movimento. Se ne manca uno il tuo cavallo avra' moltissime difficolta' e alla fine riferrerai.
Per l'alimentazione guarda qui:

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



5 - Se un cavallo viene tenuto nel box e' tranquillamente in grado di stare scalzo. Ovviamente deve potersi muovere in paddock o al pascolo per la maggior parte del tempo, sia in estate sia in inverno, ma se e' scuderizzato puo' essere scalzo.

4 - scegli accuratamente chi ti seguira' in questo cammino. Ci sono in giro un sacco di ciarlatani che si autodefiniscono pareggiatori ma non lo sono assolutamente. Non farti abbindolare da certificazioni e cose del genere, non hanno valore alcuno.

5 - Sferra quando vuoi, estate o inverno non cambia. Chiaramente la consistenza dell'unghia potra' essere diversa, ma non cambia il principio.
Il piede scalzo non ha bisogno di niente. L'idratazione dell'unghia si ottiene solo con una corretta alimentazione, non con pastrocchi.

6 - Aspettati un periodo piu' o meno lungo nel quale verrai assalita da mille dubbi. Si chiama transizione. Puo' durare anche 1 anno o anche di piu'. Se sei fortunata anche solo 1 mese.

7 - Molto utile sarebbe frequentare un corso. Anche in questo caso non farti prendere in giro. Guarda bene cosa ti viene offerto e a quale costo. Tieni presente che in 2 o 3 giorni non impari a pareggiare un cavallo, ma solo a cominciare a capire dove guardare.
Top
Profilo Invia messaggio privato
HesterFanBommelsteyn



Registrato: 11/10/11 10:27
Messaggi: 6
Residenza: Veneto - TV

MessaggioInviato: Gio Ott 20, 2011 10:39 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie mille Alberto per le preziose indicazioni! Very Happy

Sono già convinta di cambiare il modo di gestire Hester, ma voglio agire con coscienza per il suo bene e non per il mio entusiasmo o comodità personale. Il suo benessere per me è fondamentale è la mia responsabilità nei suoi confronti!

Mi ero già informata in altri siti per il barefoot e mi ero resa conto che il piede scalzo non è che un punto di arrivo di questo tipo di gestione. Per far sì che funzioni al meglio devono essere messi a punto anche una buona alimentazione (grazie mille per il link al tuo sito! Wink ) e soprattutto del movimento all'aperto in compagnia di altri cavalli.

In questo periodo, infatti sono in pieno studio! Mi stavo documentando sui fieni, sulla loro scelta, su come vengono assimilati dall' organismo del cavallo e se è proprio necessario integrare l' alimentazione quotidiana con un mangime, naturalmente si tratta di argomenti complessi che necessitano di tempo per essere capiti e approfonditi, ma la voglia non mi manca.. Wink

Inoltre stavo pensando anche ad un modo per permetterle di stare all' aperto un po' più spesso. Quest' ultimo punto ammetto che è quello che più mi preoccupa! Il posto dove tengo la cavalla ha dei bellissimi prati e paddock, ma utilizzati solo da aprile a giugno. Purtroppo c'è la convizione che i cavalli si innervosiscano troppo per allontanarsi gli insetti nei mesi caldi e d'inverno si sporcano con il fango Rolling Eyes

...a questo punto mi rendo conto che è necessario avviare ulteriori valutazioni e cercare altre soluzioni prima di dare corso a questo progetto.. Rolling Eyes
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Sab Ott 22, 2011 2:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

domanda che pare semplice: hai già trovato un maneggio in cui portarla che abbia a disposizione dei paddock in cui farla stare tutto l'anno?
e con il termine paddock mi riferisco a qualcosa di più grosso di un 3x10 metri che finisce che in inverno diventa una lattrina a cielo aperto perchè col fango è impulibile e il cavallo si rifiuta di uscirci?
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
HesterFanBommelsteyn



Registrato: 11/10/11 10:27
Messaggi: 6
Residenza: Veneto - TV

MessaggioInviato: Dom Ott 23, 2011 10:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Rhox, concordo in pieno sul concetto che non è così semplice trovare un posto ideale per un cavallo, a maggior ragione se vuoi dargli un tipo di gestione "non usuale" e non vuoi adattarti alla massa..

Personalmente sono ancora alla ricerca del paradiso per la mia Hester. Ho già dei contatti e mi sono attivata a fare sopralluoghi in modo da farmi un' idea precisa di quello che viene offerto, anche perchè molto spesso esistono bellissimi prati e spazi enormi, ma che non si possono toccare, altrimenti si rovinano Evil or Very Mad

La mia domanda serviva proprio per capire se era giusto mettermi ora alla ricerca e spostarla o se era meglio aspettare un periodo diverso. Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Selune



Registrato: 10/11/11 22:03
Messaggi: 51
Residenza: Pavia

MessaggioInviato: Gio Nov 17, 2011 3:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao, anche i miei sono scalzi e vivono solo in paddock. Se non è tosata non preoccuparti, certo non fare le cose da un giorno all'altro, però si mette su da sola tutto il pelo che le serve. I miei cavalli sembrano dei termosifoni al contatto! E inizialmente temevo non l'avrebbero messo, invece.. Ovviamente devono avere un riparo. Paddock si ma anche capanna riparata, se non tutti e quattro i lati, almeno che però i lati da dove soffiano vento e pioggia siano assolutamente chiusi.
Personalmente io metto il grasso e un prodotto naturale per il marcimento del fettone perchè uno dei due ha problemi (dovuti a quando era ferrato!) ormai permanenti e non voglio rischiare. Se c'è del fango non è un problema, non gli da problemi, però che abbia anche un posto asciutto dove rimanere. Loro poi di solito vanno nel punto in cui si affonda di più e ci si rotolano beatamente dentro -.-
Tenerlo in box è come far vivere un gatto nel trasportino, e te ne sei accorta. Ne sarà solo felice. Come ha detto qualcuno la gestione naturale è praticamente impossibile, tuttavia si usa questo termine, ci si avvicina il più possibile a come Natura li farebbe vivere insomma.
Top
Profilo Invia messaggio privato
HesterFanBommelsteyn



Registrato: 11/10/11 10:27
Messaggi: 6
Residenza: Veneto - TV

MessaggioInviato: Gio Nov 17, 2011 7:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Grazie mille Selune per avermi risposto riportando la tua esperienza! Wink

Un saluto!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Selune



Registrato: 10/11/11 22:03
Messaggi: 51
Residenza: Pavia

MessaggioInviato: Ven Nov 18, 2011 12:45 pm    Oggetto: Rispondi citando

Figurati Very Happy In ogni caso il mio pareggiatore dice che il fango, addirittura, allo zoccolo fa bene. I prodotti non possono fare miracoli magari però problemi non ne danno. Poi tu regolati di conseguenza. Se sono giorni che è infilata nel fango la parete dello zoccolo è già umida, quindi potrebbe essere superfluo mettere anche il grasso. Ma questa è una mia deduzione perciò non farci fede! Buona fortuna Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Sab Nov 19, 2011 6:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

Selune ha scritto:
Se sono giorni che è infilata nel fango la parete dello zoccolo è già umida, quindi potrebbe essere superfluo mettere anche il grasso. Ma questa è una mia deduzione perciò non farci fede! Buona fortuna Wink
C'e' un errore di fondo in quanto dici e mi sembra strano che il tuo pareggiatore sostenga la stessa cosa.
Il piede si idrata dall'interno e non dall'esterno. Ribadisco che l'unico modo per ottenere una idratazione valida e' solamante una corretta alimentazione. Non esiste altro.
Anche il rendere possibile l'immersione dello zoccolo durante l'abbeverata e' una baggianata.
Figurati se una zebra, che e' comunque un equide, si mette a fare il pediluvio sapendo bene che rischia la vita solo immergendo le labbra. Non esiste proprio.
Per farti un esempio, al di la della battuta sulle zebre, quando lavi i piatti le tue unghie si ammorbidiscono, pero' per un periodo di tempo brevissimo, qualche minuto, poi tornano della consistenza di prima.
Questo significa che l'umidita' non penetra nel profondo dell'unghia, ma solo negli strati superficiali, ammorbidendo temporaneamente lo strato cheratinoso.
Il grasso non protegge, anzi, isola l'unghia dal contatto esterno creando uno stato artificiale nel quale l'unghia trae solo svantaggi.
Qualcuno immerge lo zoccolo nell'acqua e, dopo, lo spalma di grasso nell'illusione che l'umidita' penetri meglio e duri piu' a lungo. Beh, non lo fa, e' solo un'illusione!
Quindi, grasso bandito.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.199