Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Riproduzione del proprio cavallo: opinioni a confronto

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Chiacchiere in libertà
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Nov 18, 2017 6:45 pm    Oggetto: Ads

Top
Alex



Registrato: 21/03/06 16:55
Messaggi: 3212
Residenza: Friuli-Venezia Giulia, GO, Monfalcone

MessaggioInviato: Lun Mag 24, 2010 4:25 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non abbiatevene a male, ma .... e se almeno noi, che ci sforziamo di dare ai cavalli quello che molti cavalli non hanno, rinunciassimo a produrre puledri? Ogni puledro che noi produciamo "ruba il posto" a un cavallo bisognoso di aiuto... è incredibile il numero di cavalli che si possono ottenere in regalo, o a prezzo di carne da macello.

Scusate la deformazione "familiare", ma mia moglie è stata a lungo responsabile di un rifugio per cani e gatti abbandonati, e anche lì vale lo stesso principio; nessuno, fra gli attivisti di un rifugio, si sognerebbe di ingravidare la sua gatta o la sua cagna.... proprio per lo stesso motivo che menzionavo sopra.

_________________
Alex
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ippoasi



Registrato: 02/11/07 22:43
Messaggi: 236

MessaggioInviato: Mer Ago 04, 2010 7:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

non posso che sottoscrivere, anche il nostro rifugio segue la stessa filosofia. Comunque mi dispiace per la giovane vita.
Top
Profilo Invia messaggio privato
camilla



Registrato: 16/10/10 16:21
Messaggi: 10
Residenza: Toscana

MessaggioInviato: Mar Gen 04, 2011 5:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Rispolvero questo topic perché mi ha fatto riflettere la risposta di Alex. E' verissimo, troppe persone fanno nascere puledri (e cuccioli di altre specie) che non trovano un loro spazio nel mondo, sono "di troppo", o semplicemente troppi.
Molti esperti nella gestione naturale del cavallo sostengono però che possa addirittura essere considerato un maltrattamento impedire a una cavalla di diventare madre. Io ho una cavalla con una genealogia decisamente buona, so che potrei vendere facilmente un eventuale puledro, so che lei non chiederebbe altro che di seguire la natura e metterne al mondo qualcuno, tuttavia so anche che non riuscirei mai a dar via un figlio della mia cavalla, e tenerlo sarebbe un impegno eccessivo. Da anni quindi sono in conflitto con me stessa. Non le faccio fare il puledro, e nello stesso tempo mi sento crudele per non farglielo fare.
E quindi la domanda è questa: meglio andare contro la natura e non far nascere puledri, o permettere a una cavalla di seguire il suo istinto e far nascere puledri che forse nessuno vorrà?
Top
Profilo Invia messaggio privato
India83



Registrato: 31/01/11 21:39
Messaggi: 32
Residenza: Bergamo

MessaggioInviato: Mar Feb 08, 2011 1:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

Questa è una discussione molto complessa.

Discorso simile è venuto fuori qui quando si parlava del fatto di castrare o meno i puledri.
C'era chi sostieneva che il proprio puledro non lo avrebbe mai fatto castrare, ma non non lo avrebbe però nemmeno mai fatto procreare, un po' per la genealogia un po' perchè si teme che poi il cavallo sia meno gestibile....(?).
Allora ci si chiedeva se è più crudele andare contro natura castrando o andare contro natura mantenendo il cavallo intero ma senza mai permettergli di avere rapporti.

Personalmente io la penso come Alex. ci sono in giro una miriade di cavalli in condizioni pietose, piuttosto che farne nascere uno dalla mia cavalla salverei uno di quelli, anche se la mia cavalla probabilmente non è della stessa opinione...
poi è tutto molto soggettivo, e dipende dai casi.
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Mar Feb 08, 2011 8:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

ne parlavamo giusto ieri in maneggio coi gestori per il loro stallone..

sono spesso esperienze che uno deve fare perchè la gente ti dice le cose e spesso si sottovalutano.

per quanto lo stallone sia bravo e gestibile bisogna avere mille occhi.. perchè ci vuole un secondo che un proprietario ti mette la femmina in calore di fianco o la lascia brucare vicino al paddock, ecc..

e poi non puoi uscire se sei con persone il cui livello è basso: qualsiasi cosa succeda non puoi scendere da cavallo e prestare aiuto, se scappa un cavallo sono problemi e devi sempre contare che non ti superino o ti si affianchino per chiaccherare se sono con cavalli non amati dallo stallone, ecc

spesso si condanna il cavallo a una vita asociale perchè non esce in compagnia (sempre che comunque riesca ad andare a paddock), lavora solo o comunque molto inquadrato..
e si condanna il proprietario a una vita asociale quando si tratta di trovarsi con vari amici assieme. visto che spesso a cavallo ci andiamo per divertirci, complicarsi la vita con ansie e problemi solo per un'ideale sul proprio cavallo forse non è il top..
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
India83



Registrato: 31/01/11 21:39
Messaggi: 32
Residenza: Bergamo

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 11:02 am    Oggetto: Rispondi citando

Esatto, sono pienamente d'accordo. Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
camilla



Registrato: 16/10/10 16:21
Messaggi: 10
Residenza: Toscana

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 3:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per quanto riguarda il castrare i puledri, ammetto che la cosa mi da fastidio (invecchiando forse esagero un po'...). Capisco comunnque che la gestione di uno stallone è più complicata, e proprio per questo motivo ho scelto una femmina, anche se un tempo (prima di rammollirmi?) preferivo evitarle perché più caratteriali, più testarde, in poche parole più "individui", se così posso esprimermi, "individui completi".
Eppure ho avuto molto esempi di stalloni dall'ottimo carattere. Per anni sono uscita in campagna, io con una femmina, insieme a uno stallone arabo che faceva regolarmente il suio lavoro da riproduttore: cavallo sereno, viveva al paddock vicino a tutti gli altri cavalli, in campagna poteva essere legato, o addirittura fatto procedere da solo davanti al suo cavaliere nei passaggi difficili. In Marocco mi è capitato di montare con un'altra decina di cavalli, tutti stalloni, tutti perfettamente tranquilli. Nel maneggio in cui stavo fino a qualche anno fa, c'era uno stallone arabo tranquillissimo, sempre al paddock, circondato da cavalle e montato da un cavaliere non tanto capace, che però non ha mai avuto problemi. Avrei anche altri esempi. Comincio quindi a pensare che sia la gestione innaturale (cavallo nel box e segregato dagli altri) la vera responsabile delle difficoltà con gli stalloni.
Top
Profilo Invia messaggio privato
GeG



Registrato: 05/01/10 20:06
Messaggi: 586
Residenza: Toscana (LI)

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 5:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

camilla ha scritto:
Per anni sono uscita in campagna, io con una femmina, insieme a uno stallone arabo che faceva regolarmente il suio lavoro da riproduttore: cavallo sereno, viveva al paddock vicino a tutti gli altri cavalli, in campagna poteva essere legato, o addirittura fatto procedere da solo davanti al suo cavaliere nei passaggi difficili.

Purtroppo non tutti i cavalli interi sono anche stalloni, nel senso che sono cavalli approvati e utilizzati nella riproduzione (e se non lo fossero ma facessero comunque le monte si ritornerebbe comunque al discorso iniziale di mettere al mondo puledri "per nulla"..) e soprattutto tanti non vivono tranquillamente lo star vicino agli altri cavalli, senza poter veramente interagire con loro.. anche noi avevamo uno stalloncino arabo (Tristan, castrato poi a 5 anni in seguito ad un episodio che poteva finir male per diverse persone..) . Credo che il salto di "qualità" della sua vita lo abbia avuto proprio dopo la castrazione quando eravamo finalmente liberi di metterlo insieme agli altri cavalli (un altro castrone e due femmine).
Ci devono essere le possibilità per tenere uno stallone e farlo vivere veramente come un cavallo..

_________________
Giulia
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
camilla



Registrato: 16/10/10 16:21
Messaggi: 10
Residenza: Toscana

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 6:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

Sì, penso proprio che sia così. Un cavallo intero costretto nel box o alla solitudine probabilmente diventa un tale concentrato di energie frustrate da modificare addirittura la sua natura, trasformandosi in un potenziale aggressore, cosa che un cavallo in genere non è. Quanto a cavalli interi non utilizzati per la riproduzione ne ho incontrati, e tutti gestibilissimi, proprio perché avevano condizioni di vita accettabili. Poi ovviamewnte è anche una questione di carattere: il fratello pieno della mia cavalla, ottimo cavallo da endurance, è stato castrato a 4 anni proprio perché di difficile gestione: non cattivo, ma mostruosamente esuberante. La sua proprietaria piange ancora adesso per essere stata costretta a farlo e per non poter avere suoi puledri.
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 7:48 pm    Oggetto: Rispondi citando

anche lo stallone arabo che c'è in maneggio da noi sta a paddock confinante con le femmine (senza batteria tra l'altro, non si sognerebbe mai di uscire)..
però devi ritirare lui per primo, se devono uscire pochi cavalli e non il solito gruppo è un problema (non sopporta i castroni vicini di paddock), quando lo leghi ai due venti blocchi il corridoio a quelli che vogliono uscire dai box, se esci speri sempre di non dover scendere e prendere un altro cavallo a mano o doverlo dare in mano a qualcun altro...

ha gareggiato in endurance, andava da solo il giorno prima e tornava dalla gara in trailer con la mia cavalla (puntualmente in calore), faceva un po' di scene la prima visita e basta, ecc..
però comunque alle partenze in frotta dovevi fare attenzione a chi ti girava intorno, ai cancelli veterinari dovevi fare attenzione perchè bastava un niente che ti trovassi un altro stallone o una femmina un po' di facili costumi di fianco con conseguente stress..

non so.. continuo a dire che se un cavallo non è destinato alla riproduzione per il suo benessere e per la nostra tranquillità castrarlo è la soluzione migliore..
anche perchè un domani che non possiamo più curarcene per un periodo di tempo trovargli un posto adatto alle sue esigenze non è facile (sicurezza, paddock, capacità dei gestori, chi eventualmente lo monta, ecc)..

non so, come sempre io cerco di pensare alla soluzione che crei meno problemi in generale, anche nel momento in cui non ci sono io col cavallo..
poi ci sono castroni e femmine ingestibili o anche peggio... come sempre c'è la variabile individuo... però preferisco partire con la statistica dalla mia parte
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
GeG



Registrato: 05/01/10 20:06
Messaggi: 586
Residenza: Toscana (LI)

MessaggioInviato: Mer Feb 09, 2011 9:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Si rhox, anche io su questo la penso proprio come te

_________________
Giulia
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
samer



Registrato: 28/10/09 17:30
Messaggi: 14
Residenza: varese

MessaggioInviato: Ven Ott 21, 2011 8:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao a tutti
io avevo un doppio pony intero. Viveva tranquillamente al paddock con i castroni.
Quindi aveva una vita sociale normale.
Ma appena vedeva una femmina: saltava gli steccati, ci passava sotto, li sfondava... Era davvero difficile gestirlo, per non direin passeggiata dove per quanto fosse bravo e buono, di certo un principiante non sarebbe mai stato in grado di gestirlo.
Appena ha compiuto 3 anni è andato a un pony club, dove è stato castrato.
Finalmente vive una esistenza serena al paddock con tutti i suoi amici, ed è super affidabile con i bambini (questo perchè il carattere buono lo aveva anche prima, non basta la castrazione per quietare magicamente un cavallo).

Anche nell'allevamento di arabi dove sono ora si preoccupano molto di tenere gli stalloni fuori al paddock, però poveri devono sempre stare da soli (e sono già fortunati perchè in molti posti l'esistenza è confinata al box)

Tornando al discorso del topic, anche io sono assolutamente a favore del non fare riprodurre i cavalli, e acquistare quelli che già ci sono in giro.

Conosco una persona che aveva una femmina, ha comprato uno stallone perchè nella sua mente sta già architettando di far fare un puledro (femmina senza genealogia e anche morfologicamente brutta... maschio di una razza totalmente diversa... va be' viva i mix). Fatto sta che questo povero stallone vive chiuso in box, esce una volta la settimana per fare delle passeggiate in solitaria o del lavoro in maneggio.

_________________
"il purosangue è il più selezionato dei [CENSORED] i"
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Chiacchiere in libertà Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.229