Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Più cerco risposte e più trovo domande

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pareggio, transizione, riabilitazione
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Giu 24, 2017 7:04 am    Oggetto: Ads

Top
tala



Registrato: 19/10/10 22:08
Messaggi: 5
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Dom Nov 07, 2010 12:41 pm    Oggetto: Più cerco risposte e più trovo domande Rispondi citando

Ciao a tutti
Vi premetto che vi tedierò con le mie domande Smile
Intanto ci presento. Io e Rok siamo insieme da aprile 2010, lui è arrivato per introdurmi nel mondo del reinig,QHdi 5 anni appena compiuti, bello e sano. Settempre 2010 dopo mesi di allenamenti, di ticchio d'appoggio e di dimagrimento decido di spostarlo e arrivo dove sono ora. Un maneggio di monta americana tradizionale che mi offre un grande box aperto su di un piccolo paddock di terra (lungo 20 mt circa e largo 3 mt circa) con altri cavalli vicini, purtroppo o per fortuna è la soluzione migliore che ho trovato per lui in zona.
Mollato il reining per i campi piano piano il ticchio di Rok è migliorato ed i suoi piedi pure (prima la condizione della lettiera era molto più che discutibile), poi conosco un tizio con una cavalla e iniziamo ad uscire in passeggiata insieme, Zaira è scalza, il padrone non è un "fan" del barefoot, ma lo è la sua veterinaria, Zaira aveva un grosso problema di navicolite e la veterinaria l'ha sferrata e la pareggia, Zaira è ancora sensibile sui sassi ma sta bene.
Da qui il pensiero o meglio l'opportunità di sferrare Rok con l'aiuto di questa veterinaria. Da qui inizio ad informarmi e le mie domande aumentano. Leggo, leggo molto e capisco ancora poco, ma continuo a leggere le vostre discussioni, ho già avuto un parere da Ipparco contattato in privato, una voce tra le tante che sto raccogliendo. Vorrei fare un corso di pareggio prima di sferrare perchè mi piacerebbe capire attivamente cosa succede, non se ne trovano, ma io continuo a cercare, mi dicono che potrebbe farmelo questa veterianria, ma non la conosco e preferirei corsi già collaudati e completi.
La domanda è: le condizioni di vita di Rok quando sono lontane o vicine alle condizioni di vita necessarie perchè la gestione scalza abbia successo?
La sua vita è così:
- Box 3x5 fondo in cemento con lettiera maggiormente concentrata nella parte centrale (dove lui si stende, essendo molto pulito si è diviso gli spazi), il box è aperto sul suddetto piccolo paddock in terra, drena molto male e fa fanghiglia (potrei abbastanza facilmente, se la proprietaria del centro me lo consente, farci portare della sabbia o del fondo drenante da un amico che fornisce cantieri edili)
- Attualmente per problemi di lavoro lavora solo 4 giorni su 7 su terreni che variano dal campo in sabbia, ai campi aperti con eventuali tratti in asfalto quando possiamo allungare il giro. Presto o tardi spero di trovare un nuovo lavoro che mi permetta di ritornare a muoverlo poco o tanto tutti i giorni o quasi
- Alimentazione: 7 kg di buon fieno di cui purtroppo non dispongo dei valori nutritivi, 2.5 Kg (un po' meno attualmente visto il calo di lavoro) in un mangime abbastanza proteico (ho il cartellino in macchina se serve ve lo posto), un integratore per recuperare il peso perso, ma dovremo sospenderlo a breve perchè quasi ci siamo, circa 0.5Kg di crusca ed integratore della Off@@@ (solo erbe e semi ) quando vado a muoverlo, più per ricompensa che altro.
- Piedi: mollette nei nodelli posteriori, prove articolari buone, i posteriori tendono ad essere aperti verso l'esterno leggermente per cui la ferratura attuale è leggermente correttiva (notavo facendogli i piedi che i fettoni sono leggermente storti). Con questa umidità e piogge una o due volte a settimana gli passo della catramina sotto e sopra. Principio di tarlo sul posteriore dx in punta (regalo della precedente pulitissima lettiera).

Quanto ed in cosa dovrebbe variare la sua vita o dieta nei limiti del possibile?
Come faccio a sapere che la suddetta veterinaria sia in gamba? Zaira sta bene. da completamente tronca a completamente dritta in 5 mesi, questa è l'unica credenziale che ho.
Quando sferrare nell'anno? Scarpette?
Partendo dal presupposto che non ha problemi evidenti (domanda che mi facevano tutti quando sono passata in Bitless, come se si scegliesse una cosa così solo perchè tutto il resto non funziona) cosa ne pensate? Potrei fargli delle foto dei piedi e metterle qui, credo potrebbero aiutare a fare una valutazione.
Non lo so , prima di imbarcarci in questa avventura, e sarà solo questione di tempo, vorrei chiarirmi un po' le idee ed essere psicologicamente preparata alle difficoltà che possono insorgere di gestione (altra cosa che mi risulta ancora oscura).
Ultima cosa, leggo in giro di un Mustang Roll (credo) ed immagino sia un qualcosa per indurire lo zoccolo, serve o è una trovata commerciale? dove si acquista eventualmente?

Ecco dovrei aver finito Smile scusate al lungaggine!
Ro
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Lun Nov 08, 2010 10:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

ciao.
rispondo come mi viene il discorso quindi potrei dimenticarmi qualche punto.
nel caso ricordameli Wink

innanzitutto brava per aver cercato una gestione e una vita migliore per rok.
conosco i cavalli da reining e la vita che fanno. per quanto ce ne siano di gestiti bene sia a livello fisico che mentale, gli hai fatto un gran bel regalo.
il fatto che sia un cavallo utilizzato per quella disciplina ti pone davanti a 2 questioni legate ai piedi:
innanzitutto sarà stato ferrato attorno ai 18 mesi, quando è stato domato. spesso i quarter li ferrano giusti, senza barbette e ferro a filo quindi è possibile (e probabile) che abbia i talloni contratti e magari incastellati. gli slargamenti solitamente non sono grossi, a meno che non scappi la punta perchè il piede è troppo verticale.
devi considerare che il tuo cavallo una volta sferrato dietro non dovrebbe più stoppare se non una tantum. l'attrito dei posteriori avrebbe un effetto deleterio sui garretti. quindi se pensi di voler effettuare la manovra conviene tenere gli slider ai posteriori (l'ideale sarebbe a periodi per lasciare al piede il tempo di riprendersi).

ci sono dei cavalieri western che tengono sferrati i loro cavalli sugli anteriori e magari ferrano giusto prima della competizione (il perchè non l'ho ancora compreso) però è inusuale. sarà anche il fatto che un sacco di quarter ha i piedi patologici per cui una volta sferrati molti vanno incontro a transizioni difficili e complesse.

il tarlo è abbastanza frequente viste le ferrature molto vicine, che comprimono e la tanta umidità (le docce classiche a fine lavoro, arene umide per la polvere, tanto sudore).
e anche i piedi posteriori a base stretta. solo che in alcuni cavalli l'effetto è che a stoppare con i piedi raddrizzati artificialmente partono i garretti.

detto ciò, sono cavalli recuperabilissimi con un po' di pazienza e un esperto che ti segua.

partiamo dal lavoro: visto che si affaccerebbe una transizione come carico di lavoro andrei avanti così. muoverlo troppo spesso magari con un movimento non corretto può solo infiammare o non lasciar sfiammare l'organismo. c'è bisogno di momenti di riposo in cui il fisico deve aggiustare i danni che ha della precedente gestione e del cambiamento in atto. andare tutti i giorni può aiutare a fare movimento di qualità in quanto puoi dedicarti bene, la quantità è relativa all'inizio se bisogna riabilitare il cavallo.
va bene il variare i terreni, solo attenzione a non forzarlo troppo su quelli su cui si sente a disagio. le scarpette sono un ottimo compromesso sia per rendere più confortevole il movimento che per accorciare la transizione non facendo associare i terreni alle sensazioni sgradevoli e consentendoti di fare del lavoro senza preoccuparti della sensibilità. aiutano tutti e due! Wink

come alimentazione.. se possibile io aumenterei il fieno a scapito del mangime. le proteine non vanno mai bene, tanto più su un piede scalzo che deve fare una transizione (i rifiuti proteici vengono smaltiti con urine, feci e cheratina quindi pelo e zoccoli. non conviene caricare anche questa frazione di lavoro sullo zoccolo).
l'integratore per ingrassare bisogna vedere di cosa è composto, ma fondamentalmente più la dieta è semplice e "cruda" meglio è.
ovviamente questo va visto con il gestore scegliendo fino a che compromesso è possibile arrivare.
eliminerei la crusca. non serve a niente, anzi il suo rapporto sfavorevole tra calcio e fosforo inibisce il corretto assorbimento dei nutrienti. in più porta su di sè un notevole carico di pesticidi/concimi che bene non fa.

di per sè il paddock non è ideale, però è meglio di niente. se riuscissi a renderlo un po' meno umido sarebbe meglio, ma se il fango è pulito può essere accettabile. ovviamente ammorbidisce l'unghia e la rende più sensibile ad eventuali traumi quando non è ancora di ottima consistenza.
in particolare in inverno è meglio munirsi di scarpette se il piede non è ancora in grado di reggere terreni irregolari e potenzialmente traumatici (ghiaia, ciottolati, ecc)
si può benissimo sferrare un cavallo in inverno tendendo conto appunto di questo accorgimento e che il piede restando più morbido può metterci più tempo a passare la transizione.
come sempre poi può essere il cavallo a smentirci il giorno dopo Wink

l'idea di avere una veterinaria che ti pareggia il cavallo è già un ottimo punto di partenza. spesso ci si trova contro il veterinario e ci si deve barcamenare tra le sue cure (che spesso prevedono una ferratura) e i problemini che possono saltare fuori.
quindi in primis chiederei bene a lei che tra l'altro vede il cavallo, vede i piedi e la gestione che c'è in maneggio.

il mustang roll è un passaggio del pareggio che prevede l'arrotondare il bordo della muraglia in modo da diminuire i bracci di leva, togliere la muraglia superflua (che facilmente si scheggia) e facilitare lo stacco del piede.
per indurire il piede niente è meglio di lasciar fare a madre natura. ci possono essere dei prodotti che aiutano contro l'umidità e i problemi legati (funghi e marciumi), ma il piede si indurisce da sè
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
tala



Registrato: 19/10/10 22:08
Messaggi: 5
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Mar Nov 09, 2010 12:21 am    Oggetto: Rispondi citando

Grazie della risposta Smile
il problema degli sliding stop non si presenta, la prima cosa che ho fatto nel nuovo maneggio è stato togliergli gli slider, ero veramente stanca di vederlo scivolare continuamente, ma direi che in generale ha chiuso con il reining o meglio Rok ha chiuso con gli allenamenti Very Happy
Se di sicuro la pareggiatrice/veterinaria mi rassicura da un lato dall'altro mi spaventa il fatto che mi dicono sia una fanatica Parelli, ho paura di trovarmi davanti ad un'estremista della gestione naturale ed io e gli estremismi non andiamo d'accordo, mentre la nostra attuale veterinaria è una ragazza aperta alla gestione naturale, ma con un approccio più moderato, la userò per avere un secondo parere Smile

Sto leggendo un libro di Hiltrud Strasser sulla gestione naturale e la salute dello zoccolo, lo conoscete? come lo trovate? Oltre a gli articoli in internet ci sono altre pubblicazioni in italiano? A Fieracavalli ho trovato solo questo Sad

Altra domanda che mi sovviene: dopo 30/40 gg dalla ferratura circa i fettoni iniziano a "squamarsi" cioè dei pezzi si staccano, come se si spelassero, ieri in un posteriore è venuto via quasi tutta la copertura del fettone. Il maniscalco mi dice essere un processo naturale, ma in tutti i libri che sto leggendo nessuno menziona questo dettaglio, mi chiedo è vero o mi ha detto una fregnaccia?

Comunque sì sicuramente la parte alimentazione/piede sarà da valutare di persona, ma nel momento di sferrare magari vi posterò i cartellini sia dell'integratore che del supplemento di erbe.

Sulle scarpette: da quello che capisco sarebbe ottimale averle contestualmente alla sferratura, ma le dimensioni del piede non cambiano da ferrato a dopo? nel tempo? la misura presa al momento di togliere i ferri (delle scarpette) andrà presumibilmente bene anche dopo? Nel caso in cui il cavallo non debba mai del tutto indurire il piede per problemi di gestione vari ci sono contro indicazioni ad un uso prolungato di questo presidio?
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Mar Nov 09, 2010 1:03 pm    Oggetto: Rispondi citando

chiedere un parere iniziale non dovrebbe vincolarti a scegliere ciò che ti impone.
tra l'altro lei ti può dire delle cose, comunque la proprietaria sei te e la scelta finale è tua. il massimo che può fare è rifiutarsi di seguire il cavallo. puoi sempre cercare se c'è un altro pareggiatore esperto in zona.

il libro della strasser è valido. fa una panoramica generale sulla gestione, sul piede, sul movimento.
è ovviamente da considerare come miglior compromesso tra quello che c'è scritto e quello che si può fare. purtroppo non tutti hanno la gestione ideale (anzi.. veramente in pochi ce l'hanno) quindi si fa quel che si può.
in italiano c'è il libro della strasser, un libro di jackson tradotto da gandini (lo trovi sul sito
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

), un libro tecnico di pareggio e le traduzioni di alex (
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

).

il fatto che il fettone squami è normale.
capita che si pulisca da solo. non ne parlano solitamente perchè è un aspetto che riguarda il pareggio e visto che i libri lo trattano marginalmente non trova voce nei capitoli.
diciamo che non è normale se è troppo frequente perchè vuol dire che c'è eccesso di materiale. nel caso della ferratura probabilmente il maniscalco pulisce poco il fettone ed essendo staccato da terra dal ferro non riesce a pulirsi in autonomia con il movimento.

le scarpette sarebbe melgio averle da subito. la misura può cambiare o no, con tempi variabili. solitamente un pareggiatore di mestiere ha una serie di modelli da offrire e ritira le usate quando la misura cambia.
o se no si sta sviluppando un discreto mercato dell'usato che ti consente di recuperare una frazione della cifra spesa (anche in base a quanto sono usate).
di per sè se le scarpe sono adatte non c'è controindicazione ad usarle. lìunica cosa è che sarebbe meglio muovere il cavallo anche senza (o lasciar fare a lui a paddock) in modo corretto visto che un po' limitano il movimento dello zoccolo.
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
franco belmonte



Registrato: 22/10/09 09:01
Messaggi: 85
Residenza: trevignano romano (RM)

MessaggioInviato: Gio Nov 11, 2010 1:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

ti dico la mia. semplicemente.
qualsiasi cavallo sferrato o ferrato può essere tenuto in un ambiente ideale o via via meno ideale ma rispondente alle necessità del momento del proprietario.
il piede sferrato affonta meglio le ingiurie dell'ambiente. migliore circolazione e via discorrendo.
quindi a parità di condizioni di gestione sferrato è già tanto.
se poi via via puoi mettere insieme le solite cose : compagnia, movimento, alimentazione semplicissima priva di mangimi e fioccati, spazio, ogni condizione migliora l'insieme.
per il pareggio se abiti nei miei paraggi non ho nessuna preclusione a far vedere come lavoro. ti potresti fare una idea di cosa vuole dire.
per leggere ti consiglierei prima di tuuto l'articolo di dr. teskey - look at this hooves - semplice e chiaro. lo trovi nel sito della easycare ,scarpette.
Poi puoi leggere materiale divulgativo come il libro della strasser ,gestione e non pareggio (solo un paio di pagine difficilmente interpretabili), i libri jackson e ramey disponibili su amazon e altrove.
il materiale è infinito, dal semplice al difficilissimo. c'è anche molta paccottiglia.
puoi ,tramite accorta lettura e osservando in pratica farti le ossa.
pareggiare è un mestiere o un 'arte e come tale va rispettato.
se vai sul sito sotto riportato puoi trovare forse nei contatti un appassionato nelle tue vicinanze.
a qualsiasi domanda rispondiamo , professionalmente.
ciao

bitlessandbarefoot-studio

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
tala



Registrato: 19/10/10 22:08
Messaggi: 5
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Nov 12, 2010 12:25 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Franco e grazie, mi piacerebbe molto vederti al lavoro, ma siamo lontani purtroppo!
A quanto pare il veneto non è molto all'avanguardia su questi temi, ma qualcosa si trova. Nel sito del dott. Sabbioni ho visto il nome della veterinaria/pareggiatrice di cui mi hanno dato il numero...che ne pensate? Ho letto/sentito vari pareri sul dott. e non tutti positivi.
Sia chiaro non voglio sferrare Rok e mettermi a pareggiarlo! Vorrei solo avere una cultura di base per poter meglio capire e quindi partecipare attivamente alle decisioni sui suoi piedi..ma sono convinta che sia necessaria grande umiltà e grande rispetto per i professionisti.

C'è un momento tra una ferratura e l'altra in cui si consiglia la sferratura?
Rok è stato riferrato l'altro ieri e mi chiedevo se ci fossero eventuali tempi da rispettare....(non so se mi sono spiegata, chiedo scusa, ma le 10 ore di lavoro si fanno sentire)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Ven Nov 12, 2010 2:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Anche da parte di chi ha cavalli scalzi da tempo, l'alimentazione viene considerata importante ma non essenziale. Invece e' fondamentale. Da tempo mi sto battendo per ricollocarla al giusto posto, ma mi rendo conto che l'accoglienza e' sempre piuttosto tiepida.
In modo particolare cavalli di questo genere, quarter con un passato di garisti in particolare, sono normalmente sovralimentati e, soprattutto, alimentati male. Sull'onda di una non meglio identificata indicazione "americana", vengono usati mangimi molto proteici e fieni di erba medica. Cio' e' molto deleterio e crea, alla lunga, molti problemi. Quando, ad esempio, si vuole passare al piede scalzo con cavalli che sono stati sottoposti per anni a trattamenti di questo tipo, e' normale trovarsi in difficolta'. Nel piede si scarica ogni genere di "disordine" alimentare e trovare le soluzioni, senza le giuste conoscenze, e' abbastanza complesso.
E' come avere a che fare con un grande obeso: se si vuole ridurre il peso, non e' semplicemente una questione di "mettersi a dieta", e' necessario modificare totalmente l'alimentazione.
Anni di cibo spazzatura conducono ad assuefazione, le proteine "vuote", tipiche di alimenti ricostruiti, precotti, predigeriti, e cosi' via, gonfiano, ma non nutrono.
Comunque, per farla breve, se non si inizia subito a modificare il regime alimentare scordatevi il piede scalzo. O meglio, scordatevi di non avere problemi se volete tenere il vostro cavallo scalzo.
Top
Profilo Invia messaggio privato
franco belmonte



Registrato: 22/10/09 09:01
Messaggi: 85
Residenza: trevignano romano (RM)

MessaggioInviato: Ven Nov 12, 2010 4:05 pm    Oggetto: Rispondi citando

per la sferratura devi attendere una ventina di giorni a meno che il cavallo non si trovi in posti particolari come un prato soffice ma ben drenato.
prima di ferrare viene asportato materiale per creare il pino di appoggio del piede che quindi rimane molto espsto e non idoneo a qualsiasi terreno.
quindi , sferratura , stando attenti togliendo i chiodi a fare meno danni possibile.
il piede dovrebbe essere lasciato tal quale e attendere.
i primi pareggi sono limitati a eliminare piccole zone di crescita e ad arrotondare un pò quello che resta.
aspettati, se non sei più che fortunata rotture di muraglia anche importanti.
abbi fede e attendi. fallo esercitare su terreni non aggressivi, fallo camminare se possibile molto in modo da far lavorare l'insieme.
magari non montarlo , cammina insieme a lui.
le foto lasciano molto il tempo che trovano ma se mandi foto le guardo volentieri. ma avvisami che le posti via e-mail se vuoi che le veda io perchè passano anche settimane senza che io acceda a questo sito.

quanto dichiareato da alberto ... sono parole sante
i danni causati dalla sovralimentazione o dallo sbilanciamento sono egualmente devastanti sia nel cavallo sferrato che scalzo.
la differenza è che nel cavallo ferrato c'è un ferro che tiene insieme il tutto (finchè dura)
come sempre .. gli individui sono diversi uno dall'altro.
c'è chi ... brucia meglio e chi peggio. da un lato trovi un cavallo che si ammala seriamente dall'altro un cavallo che vive "sopportando" bene.
nel dubbio e nell'insicurezza, o nell'impossibilità, alimentazione semplice.
fieno buono, che non è facile conoscere, di prato naturale.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
franco belmonte



Registrato: 22/10/09 09:01
Messaggi: 85
Residenza: trevignano romano (RM)

MessaggioInviato: Ven Nov 12, 2010 4:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

certo alberto l'accoglienza è tiepida. ma, non parlo per te, non è un sistema voticoso e miliardario quello che circonda l'alimentazione? umana e animale.
se pensate che anche gente come parelli dichiara che i suoi cavalli pascolano felicemente nell'erba medica .. (mi ricordo di averlo visto o letto ,non ricordo, durante un corso per il 1° livello)
anche il veterinario per grossi animali del mio paese sacramenta con i contadini che eccedono con l'erba medica con i bovini e fucilerebbe chi la da ai cavalli dandogli dello sconsiderato. tantè ...

TALA ho visto ora la tua domanda dull'indurente.
consentimi ... gli indurenti per lo zoccolo fanno il paio con gli occhiali speciali per vedere le ragazze nude. non so quanti anni hai , ma se sei molto piccola e non hai mai visto quella pubblicità chiedi ai tuoi.
li vedrai sorridere.

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail HomePage
tala



Registrato: 19/10/10 22:08
Messaggi: 5
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Ven Nov 12, 2010 8:42 pm    Oggetto: Rispondi citando

ahahhaha....diciamo che procedendo sulla lettura mi sono resa conto da sola che l'indurente è una str@@@,
Alimentazione: nello specifico Rok ha solo 5 anni e mezzo e per fortuna è stato sì preparato da Reining, ma non è mai stato un cavallo spinto,ne tanto meno garista, di suo è anche mingherlino come quarter (ha una morfologia più vicina al purosangue inglese che al classico quater). Il suo trainer e primo proprietario, non so con cosa lo alimentasse, immagino fieno e qualche tipo di mangime, da quando è con me....eh questa estate ha perso moltissimo peso, ci allenavamo e mangiava solo fieno (lunga e brutta storia). Ora...da settembre mangia come descritto nel primo messaggio, ho chiesto di diminuire il mangime perchè comunque sta lavorando poco, gli ho fatto togliere la mangiatoia in modo che torni a mangiare in posizione fisiologica. Io gli do un "integratore" di erbe officinali la sera insieme a delle carote sotto consiglio della veterinaria (il cavallo ticchia e vuoi per una cosa vuoi per l'altra ma sta migliorando molto).
Sono assolutamente convinta che un tipo di alimentazione piuttosto di un'altra sia importante ed incisiva, ma devo sempre e comunque fare i conti con la nostra realtà ed è che stiamo in un "ranch" tradizionale, dove io con la Bitless sono un marziano, dove l'unica variazione che posso fare alla sua alimentazione è chiedere che mi tolgano quasi del tutto il mangime, ma rimane che non posso andare tutti i giorni a dargli cereali o quant'altro, rimane che l'erba la mangia quando lo porto a brucare io (che gli fa gran bene anche per il ticchio), rimane che non ha un grande pascolo verde in cui stare.

Questo è il nocciolo, con le limitazioni del caso, è comunque il caso di sferrare? Il rischio che sia un passaggio lungo e difficile c'è è chiaro, ma penso che ne valga la pena per lui certo però che non vorrei sottoporlo a mesi di fastidio se non di dolore vero e proprio quando comunque la nostra realtà non ci permetterò mai a priori di avere successo. Nessuno può darmi al risposta me ne rendo conto, ma ogni parere è prezioso.
Top
Profilo Invia messaggio privato
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Lun Nov 15, 2010 3:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

il problema in realtà non esiste nel senso che con le scarpette puoi ottenere bene o male le stesse performance dei ferri lasciando il piede più sano e meno esposto a patologie varie.
può esserci una transizione lunga, ma alla fine i benefici anche solo come salute del piede sono migliori dei contro.

a mio parere sarebbe quasi sempre meglio sferrare, con le scarpette e il buonsenso si può ovviare a quasi tutto e si ottengono dei vantaggi dal fatto di tenere il piede allo stato "naturale"..
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
tala



Registrato: 19/10/10 22:08
Messaggi: 5
Residenza: Padova

MessaggioInviato: Lun Nov 15, 2010 3:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi sto muovendo in questa direzione, nel senso che sferrare mi sembra sempre di più la cosa giusta da fare a priori, ora cercherò di creare una base su cui poterlo fare variando quello che mi è possibile (fondo drenante per il paddock, richiesta di accesso ad un paddock in erba qualche ora al giorno, eliminazione del mangime etc ).

Continuerò a tediarvi di domande ed a chiedere consigli Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato
FRANK404



Registrato: 04/12/12 12:10
Messaggi: 31
Residenza: Vicenza

MessaggioInviato: Lun Feb 11, 2013 12:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io ti consiglio di dargli solo fieno, evita assolutamente mangimi e fioccati. Se devi fargli recuperare peso la cosa migliore è l'olio, lascia perdere integratori ecc.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Pareggio, transizione, riabilitazione Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.597