Indice del forum

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Alimentare un cavallo solo con fieno
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Lun Ago 21, 2017 10:21 am    Oggetto: Ads

Top
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Mar Gen 08, 2008 4:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

senapo05 ha scritto:
il rsto dell'anno ,servizio piano terra per fieno e mangime...
paola

Che, pero', gestisci tu ;o)

Quello che sto cercando di capire e' l'importanza del somministrare fieno a volonta' e del non intervenire nel razionamento ma lasciar fare al cavallo. Se e' vero che mangia 18/20 ore al giorno, questo diventa praticamente la sua principale occupazione. Questo fatto coinvolge molto di piu' della semplice ingestione del cibo, diviene determinante e fondamentale anche del suo equilibrio psichico. Anche l'aspetto metabolico dell'intestino ha un equilibrio diverso se coinvolto con piccole quantita' ingerite nell'arco della giornata o con una grossa massa due volte al giorno.
Questi fatti mi inducono a riflettere. Assodato che la copertura dei fabbisogni sia garantita dal fieno, aggiungo a questo punto anche l'altro aspetto altrettanto inusuale per le nostre abitudini: togliere completamente l'integrazione di cereali.

Quindi la razione e' cosi' composta:

1 - fieno a volonta'

2 - acqua

Non prendiamo, temporaneamente, in considerazione le eventuali carenze/eccessi di macro e micro elementi che valuteremo successivamente.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Mar Gen 08, 2008 4:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alex ha scritto:
E' la secona volta che mengono menzionate in questo forum le castagne, la prima era la menzione di zampaglinu, il nostro amico dalla Corsica!

Alberto, cosa ne dici delle castagne? E delle ghiande, di cui, nella stagione giusta, le mie cavalle fanno delle belle scorpacciate?

Le castagne sono un alimento che da sempre, in Corsica, viene somministrato ai cavalli. Si da anche il frutto intero, ma si preferisce sgusciarle e frantumarle.
Nelle altre regioni si usa piu' che altro la farina di castagne. Le miscele "segrete" che in Piemonte vengono usate per l'ingrasso del "fassone" molto spesso contengono farina di castagne.
Se volete un cavallo con un c**o cosi', usate farina di castagne ;o)


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Mar Gen 08, 2008 4:46 pm    Oggetto: Rispondi citando

Alex ha scritto:
E delle ghiande, di cui, nella stagione giusta, le mie cavalle fanno delle belle scorpacciate?

Tutti gli animali, dalle galline ai maiali, mangiano ghiande. Era l'alimento tipico del maiale quando pascolava nei boschi e nelle foreste. L'utilizzo delle ghiande trova estimatori e detrattori. Ne arrivavano anche dalla Cina.
Per il cavallo la bibliografia e' molto scarsa, il consiglio che viene dato e' di non eccedere e possibilmente di somminstrarle cotte dopo macerazione.
Vedi tu. Personalmente lascierei fare alle cavalle. Per tante che ne riescano a mangiare, considerando il guscio piuttosto duro e il tempo necessario per masticarle, non credo possano avere problemi ;o)
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippoasi



Registrato: 02/11/07 22:43
Messaggi: 236

MessaggioInviato: Mar Gen 08, 2008 5:13 pm    Oggetto: Rispondi citando

Come ho già detto da un'altra parte, se si parte con l'idea, legittima ma non la sola esistente, che lo scopo sia alla fine quello di montare, attaccare, "sfruttare" il cavallo, non si potrà mai capire la seconda equitazione, di cui parla anche Alex in un altro topic. Che poi le dome etologiche non siano tutte eguali (per me ce ne solo una diversa ma durissima da accettare) è verissimo...io certo non voglio domare i sentimenti ma proprio il contrario, cosa che non ho permesso fino ad ora ai miei cavalli.
Per tornare al KER sta attualmente commerciando mangimi in collaborazione con una ditta tedesca... è vero che per i soldi si fa tutto però ai miei occhi non sei più così credibile.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto



Registrato: 09/04/06 12:50
Messaggi: 518

MessaggioInviato: Mar Gen 08, 2008 7:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

ippoasi ha scritto:
Come ho già detto da un'altra parte, se si parte con l'idea, legittima ma non la sola esistente, che lo scopo sia alla fine quello di montare, attaccare, "sfruttare" il cavallo, non si potrà mai capire la seconda equitazione, di cui parla anche Alex in un altro topic. Che poi le dome etologiche non siano tutte eguali (per me ce ne solo una diversa ma durissima da accettare) è verissimo...io certo non voglio domare i sentimenti ma proprio il contrario, cosa che non ho permesso fino ad ora ai miei cavalli.
Per tornare al KER sta attualmente commerciando mangimi in collaborazione con una ditta tedesca... è vero che per i soldi si fa tutto però ai miei occhi non sei più così credibile.

Due argomenti ben distinti. Parto dal secondo.

Ho conosciuto personalmente Joe Pagan, ho nell'altro post scritto erroneamente Pegan, nei primi anni 90. Venne in Italia con con Stephen Jackson e altri, tutti veterinari specialisti, invitati da una societa' veneta che si occupava di integratori, credo non esista piu', per una sorta di congresso. Tra i relatori c'era anche un veterinario dentista sloveno di cui non ricordo assolutamente il nome.
La preparazione tecnica di questi personaggi era notevole. Anche le cose che furono dette rappresentavano argomenti di estremo interesse. Veniva ad esempio affrontato l'argomento intervento dentistico in modo totalmente nuovo. Fino ad allora era il maniscalco che "dava una raspata" ai denti del cavallo e gli toglieva le punte, i vari interventi dimostrarono che doveva essere fatto un intervento ben piu' profondo e delicato, ricreando le corrette tavole dentarie, diminuendo la lunghezza degli incisivi, non consumati naturalmente, e altro ancora.
Io farei tesoro di questa parte, l'aspetto tecnico sull'alimentazione e sull'apparato dentario e delle ricerche fatte in tal senso dal KER, ma non mi occuperei dell'aspetto commerciale che non credo interessi piu' di tanto. La credibilita' sta nei risultati della ricerca, che poi la "messa a frutto" sia tipicamente americana - devi pagare tutto e tanto - non va ad inficiarne la qualita'.

Altro argomento: la seconda equitazione.

Anch'io ho espresso un mio parere da un'altra parte sulla seconda equitazione e lo ripeto. Semplicemente non esiste una seconda equitazione. Puoi alleggerire al massimo i tuoi interventi, puoi cercare di diventare simile ad un cavallo, puoi imparare a rapportarti con lui ed entrarci in simbiosi, comunque sia, il semplice fatto, ad esempio, di avvicinarti a lui non desiderato puo' essere fonte di fastidio/paura/dolore. Se lo costringi in un paddock, per ampio che sia, e' coercizione, se gli metti una sella e stringi il sottopancia non ne parliamo. L'uomo, inteso come cavaliere, deve sparire, non deve piu' esistere.
Il salto di qualita' sta nel considerare il cavallo alla stessa stregua di una cornacchia, libero di muoversi dove meglio creda, mangiare quello che vuole, avvicinarsi all'uomo solo se lo ritiene utile o necessario, senza confini/limiti/riserve. Deve ritornare ad essere la preda che e' sempre stata, alla merce' del predatore di turno, uomo escluso.

Tutto il resto sono balle. Cio' che e' stato detto, scritto, fatto, sulla doma etologica, ha un solo scopo, ben evidenziato da questo sunto di una tesi di laurea sell'argomento:

La doma è la fase in cui l’uomo entra in contatto con il cavallo, mettendolo in condizione di obbedirgli e di eseguirne le richieste. Essenzialmente esistono due approcci alla relazione uomo-cavallo e quindi alla doma: uno basato sull’imposizione dell’uomo sul cavallo, l’altro basato sulla comprensione della cooperatività del cavallo. La doma tradizionale è quella tecnica in cui l’uomo mira ad imporsi sul cavallo attraverso la forza, con meccanismi di premi e punizioni; la doma etologica è invece una tecnica il cui scopo è quello di creare un approccio basato sul rispetto delle caratteristiche etologiche, delle differenze percettive e dei tempi di risposta agli stimoli che vengono proposti al cavallo.

Comunque sia e' doma, non si scappa. E se lo domi poi che ci fai ? lo liberi nella prateria o lo monti/attacchi/usi ?
Top
Profilo Invia messaggio privato
ippoasi



Registrato: 02/11/07 22:43
Messaggi: 236

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 9:08 am    Oggetto: Rispondi citando

Io sto perdendo molti soldi per non usare più i cavalli...ognuno fa le scelta che crede e sono tutte legittime, ma non bisogna dire che una cosa non esiste perchè ci fa comodo pensarlo. Ci sono animali domestici che non vengono assolutamente usati, perchè il cavallo dovrebbe essere diverso? se poi dovesse risultare da studi etologici, e non da quello che si dice nel mondo dell'equitazione, che il semplice contatto con l'uomo nuoce al cavallo e gli crea sofferenza, io sarei pronta a rinunciarvi. Credo che tutti si siano avvicinati al cavallo perchè amano questo animale e quindi perchè farlo soffrire. Per quanto riguarda il KER ( che anche per me è garanzia di una certa qualità) non c'era bisogno che lo dicessere loro negli anni 90 che i denti li dovesse fare il dentista e non il maniscalco Shocked
(almeno il veterinario generico!).
Top
Profilo Invia messaggio privato
senapo05



Registrato: 15/07/07 09:20
Messaggi: 261
Residenza: piemonte-biella

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 9:23 am    Oggetto: Rispondi citando

per alberto.... io il fieno me lo produco da sola.... e gia' costa.... pensa a doverlo dare a volonta' e doverlo comperare.... non faccio Berlusca o Totti, o Prodi di cognome.... !!!! Razz Razz un compromesso tra il mio porafoglio e il benessere dei miei cavalli ho dovuto trovarlo!!! Razz

per ippoasi.... alla gogna ... tutti quelli che come me mantengono il cavallo per montarlo??? ma cerchiamo di essere coerenti per favore!!!!
paola
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alex



Registrato: 21/03/06 16:55
Messaggi: 3212
Residenza: Friuli-Venezia Giulia, GO, Monfalcone

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 10:09 am    Oggetto: Rispondi citando

Per Ippoasi e Senapo: state affrontanto un argomento del tutto diverso, l'etica dell'"uso" del cavallo. E' un argomento complesso, controverso come tutti i temi etici, e come tutti i temi etici è facile venire alle mani... i peggiori massacri della storia sono stati giustificati da risse su temi etici!

Quindi:
1. parliamone in un'altro topic, ma con l'attenzione e la delicatezza che questo tema richiede;
2. ricordiamo che nell'equitazione odierna il contrasto fra uso del cavallo e diritti dell'animale (come proposti dalle organizzazioni che se ne occupano) è particolarmente profondo e di difficile soluzione; infatti, coesistono, in questi codici, due principi fra loro in contrasto:
a) il lavoro degli animali è previsto, ammissibile quando ha certe caratteristiche di "umanità";
b) nessun animale deve essere "usato" per il divertimento umano.

Cosa la seconda frase significhi, in rapporto all'equitazione attuale, che è appunto, solo "divertimento" e non è quasi più "lavoro", non ho ben capito (l'escamotage di affermare che il "lavoro" del cavallo è proprio quello di assicurarci il "divertimento" connesso al montare mi lascia perplesso!).

Temo che come in mille altre situazioni etiche non ci sia che trovare un compromesso accettabile... senza esagerazioni, perchè un vecchio proverbio popolare, a cui sono molto affezionato, dice che "il meglio è nemico del bene".

Tanto di cappello, comunque, a chi (ed è la larga maggioranza di noi) si pone il problema e cerca la sua soluzione... e grande rispetto per ciascuno dei compromessi che faticosamente ciascuno di noi costruisce.

Comunque: torniamo al fieno? L'accenno di Alberto alla dentistica è molto interessante: l'ultima volta che ai miei cavalli sono stati "fatti i denti", con bilanciamento degli incisivi e completa regolazione dei piani masticatori, ho visto che la cosa è importante! E con l'alimentazione il perfetto stato della dentatura c'entra eccome!

Quanto alle "due equitazioni": la cosa è lontanissima dall'essere matura... la sto dissodando pian piano, in vari forum, confrontando vari punti di vista... e sono ottimista. In realtà, già ne parla Marjorie Smith nel suo sito straordinario, che sarebbe da leggere, da rileggere e da rileggere ancora; parla anche della dentistica equina... Wink

Citazione:
Leggerezza: due stili di comunicazione
Quando un cavallo Alfa chiede un altro cavallo di fare qualcosa, c'è una progressione di segnali di intensità crescente o di pressione crescente. Per esempio,se April chiede a Music "allontanati dal mio cibo", i segnali potrebbero essere:

1) April tira le orecchie indietro a Music. Se non c'è risposta,
2) April saetta la testa verso Music. Se non c'è risposta,
3) April si gira e mostra a Music il posteriore. Se ancora non c'è risposta,
4) April scalcia contro Music.

In pratica, i passi 2, 3, e 4 avvengono raramente, perché Music è familiare con la progressione e si sposterà prontamente al passo 1.
Questa è una strada verso la leggerezza. Noi possiamo usare segnali progressivamente crescente fintanto che otteniamo una risposta; la prossima volta, il cavallo risponderà prima nella progressione, finché la fine risponderà segnale più leggero, che noi possiamo alleggerire finché non sia più forte dell'atterraggio di una mosca.

Se noi usiamo lo stile del leader eletto, noi possiamo evitare l'aspetto prepotente della pressione crescente, e concludere con un cavallo volenteroso piuttosto che risentito.

Usate una pressione leggera con la vostra mano o una redine per chiedergli un movimento. Rimanete alla stessa pressione e prestate attenzione al momento in cui il cavallo tenta. Potete perfino chiudere gli occhi in modo da sentire movimenti molto leggeri del vostro cavallo . Quando sentite qualsiasi cambiamento, lasciate la pressione. Chiedete ancora leggermente; sentite ancora il tentativo del cavallo e rilasciate. Il cavallo vi sta chiedendo: " è questo che vuoi? ".

La vostra leggera richiesta e il rapido rilascio gli dà una sicurezza necessarie per fare un tentativo più forte, come spostare il suo peso leggermente nella direzione che voi state richiedendo, o cominciare a sollevare un piede da terra. Presto, con il vostro feedback rispettoso, egli capirà.Notate che quando un cavallo capisce, masticherà con la sua bocca. Mentre sta masticando, lasciatelo stare; questo è un passo importante nella comprensione di qualcosa da utilizzare in seguito.

Potete aggiungere una ricompensa per il cavallo accarezzandolo dopo ogni tentativo (nel vocabolario equino, le pacchette somigliano a calci). Quando alla fine il cavallo capisce le vostre richieste e risponde pienamente, accarezzatelo ancora di più è stata semplicemente con lui per alcuni minuti. Ai cavalli piace quando possono stare semplicemente con voi senza aver niente da fare. Questa, per loro, è una grande, appagante sospensione della pressione.

Una volta un cavallo ha capito qualcosa, non c'è più bisogno di esercitarsi su quella cosa. La ripetizione dell'esercizio che lui ha già capito lo rende soltanto annoiato e risentito. In ogni caso gran parte dei movimenti che chiedete sono quelli che usate continuamente quando cavalcate. Cercate di vedere una ragione reale per ogni richiesta. La mia giumenta si muove sul pavimento della stalla col tocco di un dito sulla sua criniera, ma cade addormentata quando io "mi esercito" con lei in maneggio.


In questo brano, marjorie si riferisce allo stile di Mark Rashid. L'idea della "leadership elettiva" forse non è del tutto corretta dal punto di vista strettamente etologico, ma è un'intuizione riguardo alla possibilità di evitare "L'Assioma L'Hotte" e il principio della dominanza. La "seconda equitazione", appunto.

_________________
Alex
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
ippoasi



Registrato: 02/11/07 22:43
Messaggi: 236

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 12:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io non voglio venire alle mani con nessuno e non metto alla gogna nessuno(però non parlate della mia coerenza dal momento che non sapete di cosa state parlando) Anzi credo sia proprio inutile parlare di certe cose qui.
Buona giornata a tutti!
Top
Profilo Invia messaggio privato
senapo05



Registrato: 15/07/07 09:20
Messaggi: 261
Residenza: piemonte-biella

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 2:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

no, io stavo parlando di alimentazione e di fieno....
poi semmai per comodita' ho agganciato l'argomento di ippoasi.

ma preferisco il primo al secondo.... in quanto e' come parlare del [CENSORED] degli angeli... tutti e nessuno si trovano dall parte della ragione.

paola
Top
Profilo Invia messaggio privato
cri75



Registrato: 04/01/07 21:53
Messaggi: 32
Residenza: schio vicenza

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 6:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

io alimento le mie cavalle quasi esclusivamente a fieno con una manciata sera e mattina di cereali schiacciati . Fino a 2 anni fa era fieno a piacere ma purtroppo la cavalla di mio marito ha avuto un caso grave di laminite causata da cosa ? secondo il vet il fieno visto i tanti fiori molto fruttato quindi ora lo dobbiamo somministrare in dosi minori Non sono cavalli sportivi facciamo passeggiate e nemmeno tanto frequenti. Comunque stanno bene come peso non sono calate tanto diciamo che prima erano obese ora sono giuste Premetto che a me i cavalli piacciono abbastanza in carne. ciao a tutti
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Alex



Registrato: 21/03/06 16:55
Messaggi: 3212
Residenza: Friuli-Venezia Giulia, GO, Monfalcone

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 7:14 pm    Oggetto: Rispondi citando

Due domande (sia a Alberto che ai voi).

Scopro oggi che nel maneggio che ospita le mie cavalle, il giovedì, giorno di chiusura, al posto del normale fieno di graminacee viene dato fieno di medica. Nello stesso giorno viene "saltato" il fioccato (nel mio caso, 1/2 kg + 1 kg di avena suddivisi in due razioni).

Ovviamente chiederò che alle mie due cavalle NON venga cambiato bruscamente il tipo di fieno... a voi chiedo con quanta energia devo pretenderlo.

Approfitto per pubblicare un paio di foto recentissime di Asia pregandovi di darmi il vostro parere (per quanto si può da fotografie) sul suo stato di nutrizione.

<a href="http://picasaweb.google.com/alex.brollo/AsiaEAmiGennaio2008/photo#5153520041272462114"><img src="http://lh3.google.com/alex.brollo/R4T7LErmyyI/AAAAAAAADfc/yUbJdzuuWv4/s800/IMG_1123.jpg"></a>

<a href="http://picasaweb.google.com/alex.brollo/AsiaEAmiGennaio2008/photo#5153523460066430018"><img src="http://lh3.google.com/alex.brollo/R4T-SErmzEI/AAAAAAAADh0/fxdqMag0II4/s800/IMG_1143.jpg"></a>

Grazie!

_________________
Alex
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
senapo05



Registrato: 15/07/07 09:20
Messaggi: 261
Residenza: piemonte-biella

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 8:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

siiiii.... bellina.....pare ..... certo che ha un bel lato B!!!...a me interessa di piu' il tigrato sullo sfondo della prima foto..... lui si' che e' interessante!!! di chi e'??
paola
Top
Profilo Invia messaggio privato
Alex



Registrato: 21/03/06 16:55
Messaggi: 3212
Residenza: Friuli-Venezia Giulia, GO, Monfalcone

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 8:51 pm    Oggetto: Rispondi citando

senapo05 ha scritto:
siiiii.... bellina.....pare ..... certo che ha un bel lato B!!!...a me interessa di piu' il tigrato sullo sfondo della prima foto..... lui si' che e' interessante!!! di chi e'??
paola


<a href="http://picasaweb.google.it/alex.brollo/AsiaEAmiGennaio2008/photo#5153550599964773666"><img src="http://lh3.google.it/alex.brollo/R4UW90rmzSI/AAAAAAAADkI/KQERR5MpM40/s800/IMG_1018.jpg"></a>

Tetsu, esempio di "fioritura degli ibridi" (50% levriero spagnolo, 50% bracchetta non altrimenti specificata)

_________________
Alex
Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
rhox
Site Admin


Registrato: 20/03/07 22:27
Messaggi: 1769
Residenza: Piemonte- Torino- Sciolze

MessaggioInviato: Mer Gen 09, 2008 9:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

magra non è.. anzi..
sarà che ho sempre in mente un cavallo "sportivo".. la trovo in carne! Laughing

direi che va richiesto in modo abbastanza corposo.. sia per il cambio di alimentazione che toglie mangime e aggiunge medica che magari non è bilanciata col resto della razione..

anche su forumer mi sono accorta di come vengano cambiate le cose nei giorni di chiusura.. è mai possibile?
fosse la mia scuderia me ne andrei domani! (a meno di una motivazione reale e valida).. posso capire il cambiamento di alcuni orari, ma il cambio del cibo.. Rolling Eyes Shocked
Top
Profilo Invia messaggio privato MSN
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Governo e addestramento Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Vai a Precedente  1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 2 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.166